Per gnatologia si intende lo studio di tutti gli organi o apparati che possono essere collegati all’occlusione dentaria. Di qui la grande importanza che la gnatologia assume nei confronti dei problemi non solo masticatori, ma anche respiratori e posturali.
Il bruxismo non è una malattia, ma una parafunzione, ovvero un movimento non finalizzato ad uno scopo, che si esplica in una abitudine di serrare o digrignare i denti. Se non trattato il bruxismo andrà a danneggiare le strutture orali in relazione alla sua durata e intensità.
I sintomi che spingono il bruxista a chiedere aiuto sono: emicranie o cefalee, rumori articolari, limitazioni del movimento mandibolare, dolore al viso, collo, spalle e torace, muscoli del viso affaticati o ingrossati, sonno non ristoratore con senso di fatica o dolore al risveglio, rumori di digrignamento durante il sonno, segni di usura dentaria fino ad avere denti mobili o spostati, difficoltà ad addormentarsi, stanchezza diurna, ecc…
La terapia consiste nell’informazione, ovvero nella segnalazione al paziente sull’origine e sulla natura del problema, nelle terapie comportamentali che prevedono da parte del paziente autocontrollo durante le ore di veglia, modificazione dello stile di vita (aumento dell’attività fisica, controllo della dieta, diminuzione dell’uso di alcool, tabacco, caffè), nella terapia psicologica di supporto, nell’inserimento tra le arcate di una placca occlusale (bite) che permette la deprogrammazione dei movimenti anomali e il ritorno ad uno stato di normalità articolare e muscolare, nel riequilibrio occlusale (molaggi selettivi)(vedi casi clinici). L’iter successivo consiste nel trattamento ortodontico e/o protesico per ricreare una postura armonica dento-mascellare, nell’osteopatia e fisioterapia, termoterapia e massaggi, per ristabilire l’equilibrio posturale.

 
 

Studio medico odontoiatrico Cioppi | Urbino, via Guido da Montefeltro, 35/G | All rights reserved